fbpx

La gentilezza va baciata

La gentilezza va baciata
e tanto, la gentilezza.
Alla gentilezza devi dirle
«Scusa se ti bacio ma hai gli occhi gentili, gentilezza.»
E lei ti dirà
«Baciamoci pure, baciatore di gentileria.»
E tu le dirai
«Scusa gentilezza, giacché siamo bacianti, non è che tante volte vorresti un fidanzato?»
E lei ti dirà gentilmente e luminosamente di no.
E tu le dirai
«Almeno continuiamo a baciarci sotto questo lampione, gentilezza.»

Continua a leggere

Ma lo sai, tu?

Ma lo sai, tu?
lo sai tu quanto è che ho sperato
che i nostri nasi si nasassero?
che i nostri baci si baciassero?
che i nostri metatarsi si incrociassero?
che i nostri scontrini finissero nello stesso cestino?
e i nostri vestiti nello stesso cestello?

io
lo so
io lo so quanto è che l’ho desiderato
che le tue guance sguanciassero con le mie
che le tue ciglia cigliassero con

Continua a leggere

Ciao mamma hai il cancro.

«Ciao mamma, hai il cancro.»
«Lo so.»
«Ma io cammino ancora sulle mattonelle evitando le righe.»
«Lo so.»
«E compro l’ammorbidente Delicati Abbracci.»
«Lo so.»
«E i delicati abbracci sono sempre i tuoi.»
«Lo so.»

«Ciao mamma, hai il cancro.»
«Ancora.»
«Lo sapevi?»
«Da un po’.»
«Da un po’, quanto?»
«Da un po’ ieri.»
«Perché non me l’hai detto?»
«Perché c’eri.»
«Ero io?»
«Ti

Continua a leggere

Facciamo finta un gioco

facciamo finta un gioco
facciamo finta un giorno
che tu eri lontana
che io ti chiamavo
che tu mi dicevi che bella la vista da qui
che io ti dicevo allora dimmi la vista da lì
che tu mi dicevi c’è la foresta ed il fiume celeste
che io ti dicevo com’è che sto fiume è celeste
che tu mi dicevi la gente ci piange
che io ti dicevo ci piange

Continua a leggere

Faccio la lavatrice e penso che penso spesso quando faccio l’avatrice

Faccio la lavatrice e penso
penso spesso quando faccio la lavatrice
penso, chissà perché per dire “la lavatrice” non si metta l’apostrofo.
L apostrofo avatrice
l’avatrice.

La-lavatrice
la-lavanderia
lala
avevo un’amica che si chiamava Lala
contrariamente al nome aggraziato
Lala
era una bestia di satana
metteva il ketchup sulla pasta
l’ho sputtana su instagram
continua a farlo.

Allora ho pensato
a lala le leverò il saluto

Continua a leggere

Culo

Tre cose sole
io
vorrei sempre
da te:
la bocca; facile.
La via più corta per arrivare al tuo ovaio; fattibile.
ma se
dico, se si potesse, il culo.

Se ipoteticamente
ipoteticamente se tu mi dicessi
va be’ guarda, ipoteticamente potrei pensare di darti il culo
io
se io fossi sulla stazione internazionale
in orbita intorno ad un pianeta
in cui abita un culo come il tuo

Continua a leggere